Annea

Annea

SCARICA INFINITA LORE

Posted on Author Akigrel Posted in Musica


    Un boss veramente potente che è situato nelle Rovine del Demone pur non essendolo e che una volta ucciso fara calare il livello della lava. Scarica infinita è un enorme demone di fuoco, il primo boss situato nelle Rovine del Demone nelle profondità del Dominio di Quelaag. Il viaggio nella lore di Dark Souls prosegue con l'episodio undici, in cui ci Scarica Infinita e l'origine del suo nomela traduzione italiana di. Stiamo parlando di Scarica Infinita, che sgorga lava dalle proprie carni. Non è ostile, non ci attacca e questo è decisamente insolito per un.

    Nome: infinita lore
    Formato:Fichier D’archive
    Sistemi operativi: Android. iOS. MacOS. Windows XP/7/10.
    Licenza:Gratis!
    Dimensione del file: 51.67 MB

    Maledetto corri a comprarlo! Hai finito dark souls e anc Share your knowledge on Readable. Create Accedi. Publish any text You can upload anything that interests you.

    Collaborate Improve any text by working together with other annotators. Tip: Highlight text to annotate it X.

    Questa curiosità è legata prevalentemente alla lore di questo boss, ma non essendo una vera e propria storia è dovere citarla. Quanti di voi si sono chieste perché Scarica infinita ci attacca solo dopo aver depredato il cadavere accasciate su quella specie di altare nella zona? Dovete sapere che Scarica Infinita è uno dei figli delle streghe di Izalith che nella fuga è stato trasformato nel mostro che è come parzialmente è accaduto per Queelag e sua sorella e come invece non è accaduto a Queelana la piromante.

    Si presuppone quindi che il corpo che depredate dall'altare sia il corpo di una strega di Izalith che invece è morta nella fuga e perché non proprio la madre di Scarica Infinita? Basta semplicemente superare il boss anziché colpirlo e dopo più o meno sei minuti di corsa si arriverà alla fine del corridoio, in quel caso il boss non potrà più allontanarsi e potrete trapassarlo in tutti i modi, a patto che riusciate a sopravvivere fino a quel momento ovviamente.

    Inoltre una cosa che forse non sapevate è che in Gallese Gwyndolin significa "Anello Bianco" e questo sta a significare che sebbene Gwyndolin sia a capo del covenant della luna oscura presenta un legame con la via bianca rappresentata appunto da un anello bianco ovvero di tutto coloro che hanno fede nel mantenere viva la fiamma per la quale lo stesso Gwyn, suo padre, si è in parte sacrificato.

    Sapevate che potete abbattere Kalameet senza l'aiuto di Gough? Ovviamente questo richiede infinita pazienza e un arco molto potente, ma se ci riuscirete sbloccherete anche un nuovo dialogo con Gough nel quale egli si congratulerà con voi per aver compiuto il tutto da soli e vi darà infine il suo arco. Come detto da Gough stesso egli è cieco, infatti in caso qualcuno lo attacchi, nel momento in cui non si è equipaggiati con armature magari per esempio con vesti o via dicendo egli non sentendo i vostri passi, smette di attaccare e sporge la testa in avanti cercando di percepirvi inutilmente.

    Ora anche il Demone del Rifugio si trova sul tetto prima che entriamo nella stanza in cui lo affrontiamo, queste premesse sono necessarie per tirare le somme. Sembra che Oscar dopo averci salvato stesse combattendo il demone, ma non avrà successo nello sconfiggerlo. Questa è decisamente una delle mie preferite. Sapevate che nella cover europea del gioco quella standard il personaggio rappresentato non è il prescelto non morto come molti pensano ma Artorias?

    Infatti, come confermato dagli stessi produttori la cover rappresenta Artorias che entra nell'Abisso, questo è confermato anche dal fatto che sebbene l'armatura sia simile a quella del prescelto non morto presenta invece più somiglianze con quella di Artorias basti pensare alla spalliera di destra o alla "gonna" sbrindellata sulla sinistra e in più le armi rappresentate sulla cover sono proprio lo scudo grande di Artorias e il suo spadone.

    Ricordate con che mano impugnava la spada? Questo perché Artorias non poteva muovere il suo braccio sinistro e questo implica che, se Artorias avesse usato la sua "mano buona" probabilmente sarebbe stato un avversario molto più ostico di quello che in realtà è stato e che probabilmente è proprio grazie alla corruzione, la debolezza e il non poter usare entrambe le braccia che il prescelto non morto riesce a sconfiggerlo.

    Dark Souls 1 e Remastered – Informazioni, tattiche Boss, aiuti e suggerimenti

    Chao Sueng! Group: N. Questo anello ricompare in Dark souls 2 con il nome di anello del sole.

    Miyazaki, l'autore della serie ha preso molte ispirazioni dal manga Berserk, lo stesso Artorias ricorda l'estetica di Gatsu con indosso l'armatura nera; gli uomini corvo nel dipinto di Ariamis sono ispirati alle guardie del corpo del vescovo apostolo, ed era presente persino un arma, un bastone uncinato simile alle loro armi, ma che divenne un cutcontent ma anche altre, ad esempio il demone toro ricorda molto Zodd l'immortale.

    E per quanto riguarda Velka era previsto che fosse addirittura un covenant in Dark Souls, infatti nel dipinto di Ariamis c'è una statua quella che si gira e apre la porta ma poi per questioni di tempo hanno rimosso il tutto!. Interessante, alcune cose non le sapevo proprio. E molto speculazioni fanno pensare che il corvo gigante che ci preleva dalla prigione dei non morti non sia altri che Velka o una sua emanazione, infatti la figura di Velka è stata associata a un corvo, gli stessi uomini corvo presenti nel dipinto dovrebbero essere suoi servitori.

    Topic interessantissimo A proposito di Velka, ieri pensavo al Persecutore e al fatto che viene trasportato in giro per Drangleic da un corvo gigante. Quelle che vediamo allora non sarebbero altre che le carcasse degli eterni dominatori dei cieli, caduti nel tentativo di impedire il genocidio della propria specie. Un'arte particolarmente ostile nei confronti del non morto prescelto, poiché molte delle statue che adornano queste vie non sono altro che demoni di pietra, probabilmente nati dallo scontro tra la Fiamma del Caos e le sculture che agghindavano Lost Izalith.

    Abbiamo anche modo di incontrare un'altra delle Figlie del Caos , la più anziana per l'esattezza, che difende con piromanzie di altissimo livello un passaggio protetto da una fitta nebbia.

    #themagnificentfather

    È attraversando la nebbia e procedendo lungo lo scosceso tunnel ostacolato da radici che scopriamo invece cos'è accaduto a coloro che si trovavano più vicini all'epicentro dell'esplosione. La Culla del Caos , che a prima vista sembra solo un gigantesco albero senziente, non è altro che la deformazione demoniaca della Strega di Izalith, mentre i nuclei laterali sono due delle sette figlie, che hanno inutilmente cercato di dominare l'inarrestabile potere della Fiamma del Caos.

    L'idea che le figlie abbiano optato per il sacrificio, una volta intuita la possibilità del disastro imminente, è data dalle catene che escono da queste sfere luminescenti, in quanto ricordano molto da vicino la forma dei catalizzatori di Izalith.

    Madre e prole formerebbero quindi un tutt'uno, capace probabilmente di dare alla luce gli infiniti demoni che popolano Lordran e le sue profondità. Un'eventualità suggerita dal fatto stesso che la Culla del Caos ricordi esteticamente un gigantesco utero, all'interno del quale vi sia poi, realmente, il boss da abbattere. Uno scontro impossibile da sostenere, se non mirando direttamente all'essenza dell'albero, facendosi largo tra i ruderi del pavimento che crolla sotto i nostri piedi.

    Silenziosa nel pieno della palude in cui attende seduta, Quelana è l'unica delle sette sorelle ad aver mantenuto l'equilibrio psichico, nonché una delle poche che non è stata corrotta dalla Fiamma del Caos. Un errore comune, specialmente assistendo al filmato, iniziale è infatti quello di pensare che fin dalla Grande Guerra la Piromanzia avesse avuto un ruolo centrale, quando invece essa è una creazione di gran lunga successiva a quanto osserviamo durante le prime fasi del racconto.

    Ad ogni modo, è grazie a questa unica sopravvissuta se tale arte si sia potuta diffondere anche al di là dei confini di Lordran. Ella è riuscita a fuggire dagli effetti venefici che il caos stava diffondendo su tutti i membri della sua famiglia ed è rimasta in qualche modo a vegliare sull'operato delle sue sorelle, magari nella speranza di evitare l'arrivo dell'era dell'oscurità.

    In un primo momento potrebbe aver pensato di farcela da sola, ma è stato solo negli ultimi due secoli che ha aperto le porte della sua conoscenza ad un apprendista. La " Palla di Fuoco Migliorata " è con tutta probabilità una sua invenzione, segno di quanto fu poi meritato il titolo di "maestro piromante".

    L'apertura mentale di Quelana aveva avviato un processo inarrestabile grazie al quale ogni nuovo allievo poteva scoprire un aspetto inedito della Piromanzia, portandone a galla sfaccettature precedentemente inimmaginabili.

    Carmina, allieva di Salaman, fu proprio una di queste innovatrici. Dobbiamo a lei piromanzie come Forza Interiore , Pelle Ferrea e Traspirazione Difensiva , capaci di tirar fuori dal proprio utilizzatore una serie di poteri nascosti che solo grazie al caos potevano trovare una via di sfogo. È grazie a lui se possiamo avvicinarci a questa oscura arte, rivelandoci per primo i segreti che ogni buon piromante dovrebbe conoscere.

    In questo caso egli ritroverebbe la curiosità di un tempo, insistendo affinché noi gli riveliamo dove abbiamo ottenuto queste nuove e preziose tecniche.

    Come al solito, la gentilezza si dimostra un'arma ben più pericolosa dell'egoismo. Solcando nuovamente la putrida e appiccicosa melma di tale luogo ci imbattiamo per l'ultima volta in Laurentius , ormai vuoto e completamente incapace di riconoscerci.

    Questo è simile a quanto vuole fare Lord Gwyn, ma non è assolutamente la stessa cosa: Gwyn vuole mantenere il Fuoco acceso, mentre Izalith è convinta di poter ricreare la fiamma primordiale… e fallisce miseramente.

    Le figlie di Izalith vengono annientate, mutate e deformate dal Caos e dalla fiamma corrotta di Izalith. Ma non ci sono solo le figlie di Izalith!

    Andiamo con ordine: uno dei boss più curiosi di tutto il gioco lo troviamo qui a Izalith. Non è messo a caso. Stiamo parlando di Scarica Infinita, che sgorga lava dalle proprie carni.

    Non è ostile, non ci attacca… e questo è decisamente insolito per un boss! Ma notiamo che vicino a lui si trova un cadavere: quelli sono i miseri resti di una delle sorelle del caos. Scarica Infinita diventerà molto aggressivo se proviamo a depredare il cadavere. Perché diventa aggressivo? Non sappiamo quale fosse la sua forma originaria, non appare in alcun video… ma sicuramente è fratello delle streghe del caos.

    Perché è qui e per giunta in questa forma? Le sue sorelle gli avevano regalato un anello. In questo modo non solo dà origine ad un potentissimo demone, che poi incontreremo, ma si maledice e da tutti i suoi pori inizia a sgorgare lava.

    Era vuota?

    Lore - Dark souls - Trama principale

    Soggiogata dal Caos? La chiave del mistero è un personaggio triste. Ma veramente triste!

    Anche lei è mutata dal Caos, esattamente come sua sorella Quelaag. Solo che Quelaan è una Guardiana del Fuoco. Perché la Piromanzia non esisteva fino al momento in cui Izalith non è stata inglobata dalla Culla del Caos.

    Quelaan ci appare come malata, quasi morente, perché ha deciso di aiutare la persona sbagliata: Eingyi. Noi non possiamo parlare con Quelaan perché parla la lingua del Caos, una lingua unica.

    Probabilmente è questo il nucleo del patto ed è per questo che Quelaag ha cercato di fermarci. Vi sentite abbastanza merde ora?! Su una cosa non ci sono dubbi: Eingyi è un infame e merita di morire. Ma perché lo merita? Insomma, è un bastardo. Prima abbiamo detto che in Dark Souls incontriamo varie sorelle del caos: Quelaag, Quelaan, il corpo sorvegliato da Scarica Infinita e Quelana.


    Articoli simili: